lunedì 22 giugno 2015

Collaborazione Tenuta Bossi: Appuntamento Con La Storia...I Marchesi Gondi

Buongiorno ragazze, l'inizio settimana questa volta per me è stato un po' traumatico e vi spiego subito il perchè. Come avrete notato ho inserito il codice per disabilitare il tasto destro del mouse nel mio blog. In due anni e poco più non ho mai pensato di aggiungerlo ma ieri, a malincuore, ho dovuto agire perchè una persona ha copiato una mia recensione, un frutto della mia creatività come lo sono tutti i post che vedete su Le Passioni di Concy. Ora comprendo il dispiacere e la rabbia di coloro che ci sono passate e hanno subito la mia stessa violazione. Oltretutto questa persona ha inserito il codice per evitare che le copino i contenuti e poi è lei stessa che commette un'ingiustizia? mi dispiace per voi affezionate lettrici che troverete sicuramente noioso questo gadget ma per evitare che succeda in futuro ( nel caso dovesse ricapitare prenderò seri provvedimenti ) mi vedo costretta ad agire. Io sono sempre disponibile nel caso abbiate bisogno di un consiglio, con la gentilezza e la cortesia si va sempre avanti nella vita. Scusate lo sfogo, ora mi sento decisamente meglio e vado a presentarvi una collaborazione nobile e preziosa in tutti i sensi. Per me è un'emozione indescrivibile potervi narrare una storia importante che poggia le sue fondamenta nell'antichità ma che ancora oggi trasuda di ricordi e meritato orgoglio! La Tenuta Bossi dei Marchesi Gondi è lieta di tramandare, ancora una volta, le sue nobili origini...

Sulle colline a nord-est di Firenze tra i 200 e i 400 metri d’altezza, si trova la Tenuta Bossi di proprietà di Bernardo Gondi e di sua sorella Donatella.
L’azienda è costituita da 315 ettari di cui 18 ettari a vigneto, oliveti e boschi.
I Gondi,nel 1592, con l’acquisto di questa Tenuta ampliarono le loro proprietà nel Chianti Rufina, zona famosa per la produzione del vino,fin dal Rinascimento, produttori di vino da oltre V secoli. 




Le cantine dell’azienda si trovano in parte nel sottosuolo della Villa ed in parte sotto il parco all’ombra degli alberi secolari; la filosofia dell’azienda è proprio il mantenimento dell’ambiente secolare e delle sue tradizioni di alta qualità; si preferisce quindi produrre piccole quantità ma di pregio. Alla Tenuta Bossi non si è ecceduto nella tentazione del nuovo in cantina ma, coniugando una perfetta cura delle vigne per produrre uve sane e mature, vinificazioni attente sotto una costante vigilanza dell’uomo ed un appropriato uso del legno, si arriva ad avere prodotti unici e particolari senza perdere il sapore della tradizione. I vini rossi, dopo una idonea maturazione nelle numerose botti di rovere ed in barriques, si affinano in bottiglia. Ho avuto l'onore di ricevere una bottiglia di questo prestigioso vino rosso datato 2007. 

OLFATTO: Il vino è complesso, evidenzia sentori di confettura di frutta, china e rabarbaro, in particolare di prugna e ciliegia, che si aprono in successive note di sottobosco, tabacco.
GUSTO: Di grande personalità, ha una trama tannica raffinata ed una viva sapidità che dimostra un grande equilibrio, ingentilita da un generoso abbraccio fruttato, la chiusura è balsamica e speziata. A parte la frenesia e la gioia di portare in tavola un vino così ricco di sentori e sapori, vi confesso che la storia e la solennità che aleggia intorno alla Tenuta Bossi è qualcosa di indescrivibilmente piacevole, è stato davvero affascinante attingere al calice della tradizione. Non è come bere il solito vino, non è solo per spegnere la sete, non una semplice bevanda da abbinare ai propri piatti...è stata una grande opportunità, forse l'unica davvero memorabile da custodire nel cuore. Mi sento di ringraziare immensamente il Signor Gerardo Gondi per la sua umiltà nel tentare questo nuovo approccio pubblicitario e per aver selezionato il mio piccolo spazio personale. Ecco l'abbinamento che ho scelto e che abbiamo gustato ieri a pranzo...

Grigliata di salsiccia e costine di maiale con patate speziate al forno.
Se volete fare un salto nel passato, rivivere forti e intense sensazioni, vi consiglio di visitare il sito e magari organizzare un weekend nel loro agriturismo decisamente delizioso, immerso nel verde e nella pace contemplativa.

ecco il link del sito: http://www.tenutabossi.com/

6 commenti:

  1. Ciao Concy!!
    Anche a me in passato è successo e poi però ho risolto tutto visto che la ragazza in questione ha cancellato il post e lo ha cambiato!! Spero che anche tu riesca a risolvere!! Tornando al questo vino deve essere davvero molto speciale!!
    Quella grigliata mi ispira tantissimo!! Un bacione grande

    RispondiElimina
  2. Ma davvero certe ragazze fanno questo?? Non lo sapevo sai mi conviene bloccare anche a me il tasto destro sai meglio prevenire che curare, speriamo che la ragazza si renda conto dello sbaglio e modifichi il post:) Io non sono un amante dei vini però questo mi sembra davvero interessante un bacione

    RispondiElimina
  3. Ciao Concy. Purtroppo esistono anche queste persone e mi dispiace che queste cose debbano ancora accadere, dai non ci pensare e concentrati sulla grigliata e su questo buon vino, in grado di spazzar via anche i cattivi pensieri:) un bacione

    RispondiElimina
  4. Cara Concy è capitato anche a me più di una volta e posso ben capire cosa si prova... passando al vino questo della Tenuta Bossi è proprio un gran vino. Devo dire che apprezzo molto i vini provenienti da tenute autoctone e con una propria storia. Dovrò provare qualcosa della Tenuta Bossi. Un bacione

    RispondiElimina
  5. Ciao Concy, complimenti per il blog! Ti ho scoperta da poco, da quando hai scritto sul mio... questo tuo post mi ha fatto riflettere su questo problema. Potresti indicarmi come si può fare qui su Blogspot? Grazie mille se risponderai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao giulia benvenuta...ti consiglio il post di una ragazza gentilissima che forse anche tu conoscerai...c'è tutta la procedura necessaria per disabilitare il tasto destro. http://iolecal.blogspot.it/2013/04/come-disabilitare-il-tasto-destro-del.html

      Elimina